Contatta l'ufficio vendite


Trovate il vostro contatto 

RUMIVITAL®i - per aumentare le produzioni con le Vostre razioni

Il Centro di Ricerca ISF Schaumann Forschung ha analizzato l’azione del RUMIVITAL®i con differenti tipi di razioni e ha potuto validarne l’efficacia. RUMIVITAL®i mostra la sua efficacia quando viene utilizzato con un UNIFEED parziale (PMR) con valori soglia di NFC (385 g di carboidrati solubili (NFC)/kg SS), e rafforza la sua azione dopo l’aggiunta di altri concentrati. Tuttavia, anche con razioni UNIFEED effettive (TMR) con valori di NFC elevati il RUMIVITAL®i riesce a manifestare bene il suo effetto.

                                                         

RUMIVITAL®i nel confronto con i lieviti vivi

 

In una prova di alimentazione della durata di 20 settimane effettuata nello Schleswig-Holstein si è potuto mostrare un incremento della produzione di latte grazie al RUMIVITAL®i. L’azienda con 140 vacche in lattazione ha sempre utilizzato convintamente i lieviti vivi e presentava una media di produzione di quasi 27 kg di latte come media giornaliera della mandria, corrispondente a 9.865 kg come produzione media a lattazione. La razione è un UNIFEED parziale (PMR) equilibrato, al quale si aggiungono i concentrati somministrati agli animali dotati di transponder mediante l’autoalimentatore.

 

Con l’impiego di RUMIVITAL®i si è potuto registrare un aumento della produzione di oltre 1 kg di latte per vacca e giorno. Dopo la cessazione dell’impiego del principio attivo questo aumento si esauriva (vedi Fig.1). Il risultato: RUMIVITAL®i ha determinato un incremento della produzione che si aggira tra 1,3 e 1,4 kg di latte per kg di SS ingerita, grazie ad una migliore efficienza dell’alimentazione.


Fig. 1: RUMIVITAL®i migliora la conversione alimentare e le produzioni di latte

Influenza sulla conversione alimentare e le produzioni di latte

 

In un’azienda situata in Turingia si è testato l’effetto del RUMIVITAL®i sulla conversione alimentare e la produzione di latte. L’azienda alleva 75 vacche e presentava una produzione media giornaliera di 38 kg di latte con un 125 giorni medi di lattazione durante la fase di prova. Durante le 18 settimane della prova le vacche sono state alimentate con un UNIFEED a prevalenza di silomais. Durante la fase di controllo la mandria ha avuto un’integrazione con un normale integratore minerale, mentre nella fase di prova ha ricevuto l’integratore con un’aggiunta di RUMIVITAL®i.

 

Il livello di produzione della mandria, già elevato, è stato incrementato ulteriormente - di quasi il 4,5% - grazie al RUMIVITAL®i (vedi Fig. 2). Pertanto, la maggiore efficienza nell’utilizzo della razione ha determinato un incremento della resa energetica della razione di ca. 0,18 MJ per kg di sostanza secca ingerita.


Fig. 2: Rumivital®i migliora la produzione di latte

Maggiore flessibilità nel predisporre la razione

 

Un principio attivo che riesce ad aumentare l’efficienza dell’alimentazione e che riesce a rendere i nutrienti maggiormente disponibili è molto valido, sia sotto il profilo della redditività, che della sostenibilità. Inoltre aggiunge una flessibilità aggiuntiva nel predisporre la razione, in quanto permette di risparmiare una quota dei concentrati, per via della più intensa degradazione dei foraggi della razione.

 

Stampare pagina Verso l’alto